I compensi riscossi dall’attività medica devono confluire in un conto corrente dedicato?

I compensi riscossi dall’attività medica devono confluire in un conto corrente dedicato?

Non è obbligatorio, ma raccomandato.
Infatti, se il medico ha un solo conto corrente che usa sia per l’attività professionale che per la sua vita privata, le operazioni di entrata e di uscita di quel conto sono considerate dall’Agenzia delle Entrate tutte afferenti all’attività medica. Se invece il medico ha due conti separati, uno per l’attività professionale e uno per la sua vita privata, può meglio dimostrare la reale entità economica della sua attività di professionista.

Potrebbero interessarti anche...

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *