I medici dipendenti e convenzionati con il SSN possono usare il “ricettario rosa” in qualunque contesto?

I medici dipendenti e convenzionati con il SSN possono usare il “ricettario rosa” in qualunque contesto?

I medici dipendenti e convenzionati con il SSN utilizzano il “ricettario rosa” per la prescrizione di farmaci solo e soltanto nell’ambito dell’esercizio della loro attività istituzionale di medici pubblici. Ciò significa che se il medico svolge anche attività privata, in quel contesto egli non è più un “medico pubblico” bensì un medico privato e quindi non può prescrivere farmaci utilizzando il “ricettario rosa” ma deve utilizzare esclusivamente la cosiddetta “ricetta bianca”.

A titolo di esempio, il medico di famiglia che svolge anche attività libero professionale, come libero professionista non può usare il “ricettario rosa”, così come il medico ospedaliero che svolge anche attività libero professionale in intra o extra moenia, in quell’ambito non può usare il “ricettario rosa”. Farlo significa porre a carico dello Stato il costo di farmaci prescritti in regime non istituzionale e ciò può comportare l’accusa di truffa ai danni del SSN.

Potrebbero interessarti anche...

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *